Via Cristofaro Scobar 22, Palermo 90145  

Email: info@dentalc.it

Per casi di Emergenza: +39 340 463 0458

Dentisti, acqua ozonizzata contro il coronavirus

0

L’idea al servizio della sicurezza

Mettere l’innovazione tecnologica al servizio della medicina per permettere la ripartenza anche in comparti, come quelli dentistico, in cui la sicurezza di pazienti e operatori deve essere al primo punto. È stato questo l’obiettivo di Mectron, società tecnologica medicale, che ha sede a Carasco, nell’entroterra genovese, che ha ideato un sistema di disinfezione dell’aerosol che utilizza acqua ozonizzata migliorando la sicurezza nel momento più delicato della visita, quello in cui il paziente toglie la mascherina e l’operatore interviene con strumenti che ne amplificano l’effetto. A mettere a punto questo sistema il prof. Tomaso Vercellotti, inventore della Chirurgia Ossea Piezoelettrica, che ha perfezionato l’idea assieme agli ingegneri della Merctron, di cui è consulente scientifico. “Lo studio odontoiatrico è uno degli ambienti più sicuri – spiega – perché, essendo una specialità chirurgica mantiene grande attenzione nei confronti del rischio batteriologico, ma le apparecchiature che vengono utilizzate permettono la propagazione dell’aerosol anche a una distanza di due metri”. E qui entra in campo l’idea di Vercellotti, ovvero quella di rendere battericida l’aerosol prodotto dai macchinari. “Abbiamo realizzato un dispositivo – spiega – in grado di produrre acqua ozonizzata in maniera continuativa e la letteratura dimostra che una concentrazione di ozono superiore a 0,25 mg per litro, ha proprietà ampiamente microbicida, anche nei confronti dei virus come il Covid-19. In pratica con questa soluzione andiamo a tagliare le zampette con le quali il virus si attacca ai recettori e lo rendiamo inattivo”. L’orgoglio, quindi, è quello di essere riusciti a realizzare per primi questo strumento. “Per adesso, non c’è stata un’azienda nemmeno straniera a pensare a questa soluzione – conclude Vercellotti – nata dalla collaborazione tra gli ingegneri di Mectron e quelli di Aqualab. In questo lockdown operoso siamo riusciti a mettere a punto questo presidio, che sarà disponibile già da fine mese”.